A Mupoi è tornata la vita

Nonostante la situazione tesa degli ultimi mesi in Sud Sudan, i nostri progetti sono proseguiti con coraggio e determinazione.

Nella ricostruzione del Centro di Formazione professionale, la fase di progetto che riguarda la sistemazione degli edifici è a buon punto. Mancano da realizzare i pavimenti e le finiture degli edifici, ma l’attuale prezzo del cemento ha bloccato temporaneamente i lavori. Un sacco di cemento costa infatti 500 SSP, che al cambio attuale del mercato corrisponde a circa 30 dollari. Non appena i prezzi ritorneranno accessibili, i lavori riprenderanno in modo deciso. Il passo successivo sarà la posa dei controsoffitti e la realizzazione ed installazione dei serramenti.

Terminata questa prima fase, si procederà con la costruzione di servizi igienici e la dotazione di acqua e di energia.

Infine la fornitura di equipaggiamenti, utensili e materiali necessari per rendere funzionale la scuola (arredamento, banchi, sedie, attrezzatura tecnica specifica per ogni indirizzo, libri…) permetterà l’inizio delle attività didattiche, previsto per l’inizio del 2017.

Il nostro referente locale dei progetti, Leone Kumbaye, ci scrive soddisfatto dei risultati che Sorriso sta portando: “A Mupoi c’è un cambiamento enorme, molto sentito dalla popolazione.

La gente del posto dice che finalmente, grazie a Sorriso, è arrivata la vita. Chi lavora nei nostri progetti ha acquisito un ruolo importante nella comunità, essendo in grado di aiutarla quando ne ha bisogno. I lavoratori hanno cambiato le loro vite: ora possono pagare la retta per la scuola dei figli e possono anche aiutare le loro famiglie“.

La gente nutre molta speranza nel cambiamento perché con il centro di formazione si creeranno nuove professioni e nuove attività generatrici di reddito, portando lo sviluppo dell’intera area.

Grazie a tutti i sostenitori di Insieme con Sorriso che renderanno possibile tutto questo. Grazie ai volontari che periodicamente si recano in Sud Sudan per condividere le proprie conoscenze tecniche o che, in Italia, rendono possibile la realizzazione dei progetti. Grazie anche a tutti gli operai locali che lavorano con grande impegno per lo sviluppo e la crescita del loro paese.