Il coronavirus e l’aumento delle gravidanze precoci

In questo periodo stiamo ricevendo notizie davvero tristi dall’Uganda e dal Sud Sudan.

Il coronavirus infatti, oltre a peggiorare le condizioni di vita di moltissime famiglie e comunità in tutto il mondo, in questi Paesi sta aggravando la problematica delle gravidanze adolescenziali, le cui complicazioni sono la principale causa di morte per le ragazze di età compresa tra 15 e 19 anni.

La chiusura delle scuole dovuta al lockdown, imposto per contenere il numero dei contagi, sta sottoponendo le giovani ragazze e bambine a maggiori rischi di violenza, sfruttamento sessuale e gravidanze precoci. Come conseguenza, sta aumentando il numero di neonati che vengono abbandonati e i suicidi tra le più giovani.

“Una giovane mamma a Nakapiripirit (Uganda) si è buttata in una latrina aperta in questi giorni, con il suo bambino” è uno degli episodi terribili che ci sono stati raccontati.

Le gravidanze precoci sono anche un problema per l’istruzione delle ragazze, che non portano al termine il loro percorso formativo.

Il mancato accesso alla scolarizzazione è catastrofico per le giovani madri, per i loro bambini e per le loro intere comunità, in termini di opportunità lavorative, di diffusione della scolarizzazione, di progresso sociale, col risultato di accrescere la povertà. Ha quindi un impatto devastante sull’economia di intere regioni.

E noi cosa facciamo?

Noi di Insieme con Sorriso Onlus stiamo lavorando per garantire alle giovani un futuro diverso, attraverso l’istruzione e la formazione professionale.

Promuoviamo il reinserimento in un percorso formativo delle giovani madri, oltre a fornire supporto psicologico, contro l’emarginazione sociale.

In Uganda stiamo per iniziare un progetto di formazione professionale, in una delle aree più povere del Paese.

Per questo progetto abbiamo bisogno però del tuo aiuto:

ogni piccolo contributo può aiutarci a cambiare la vita di queste giovani donne!

DONA ORA!

Clicca qui per scoprire il progetto!